30/4/2022 - Terza giornata: "PRIMAVERA"

E' stata una calda giornata di Primavera, piena di voci, canti e fiori. Un gruppo di anziani provenienti dalla parrocchia di Santa Maria delle Grazie ha raggiunto il Paesetto per trascorrere una giornata all'aria aperta e godere della natura e sono stati accolti ed accompagnati da un gruppo di Soci e simpatizzanti.

La giornata è iniziata con una riflessione guidata da padre Timoteo (Missionario della Carità di madre Teresa) con riferimento ad alcuni passi della Laudato sii (IV,84-92) sull'"armonia con il creato". Prima del pranzo, con una breve passeggiata il gruppo ha fatto visita alle suore anziane dell'Annunciata, all'impianto della Paulownia per poi raggiungere la Madonnina della fonte. Qui, accompagnati dalle giovani novizie, Ilenia, Lucia e Merilin, abbiamo cantato e mosso qualche passo di danza, sotto lo sguardo comprensivo di padre Timoteo.

Dopo il pranzo, allestito dalle sorelle ad Emmaus con tovaglie e piatti "veri", le novizie, a cui si è aggiunta suor Luciana, hanno proposto giochi  fantasiosi e coinvolgenti che ci hanno fatto dimenticare, almeno per due ore, il periodo triste che stiamo vivendo. Abbiamo concluso con la santa Messa, celebrata da padre Timoteo nella bella chiesa della Domus Aurea. 

1/2/2020 - Seconda giornata: "INVERNO"

Hanno partecipato gli anziani delle chiese di San Benedetto Abate (ponte Galeria) e di Santa Maria delle Grazie (Trionfale), assistiti da volontari di entrambe le parrocchie. Giornata d’inverno, grigia e piovosa sì ma non ce ne siamo accorti. Ci siamo ritrovati ancora più numerosi della prima e saremmo stati ancora di più se i mali di stagione, appunto, non avessero trattenuto in casa un molte persone già prenotate. Abbiamo iniziato l’incontro facendo spazio dentro di noi alla Parola di Dio con la lettura pregata di ampi brani del salmo 118: Lampada per i miei passi è la Tua Parola, luce sul mio cammino. Il Dio che ci è vicino nella sua Parola, illumina le nostre tenebre e con amore conduce al largo la nostra vita…   Il pastore valdese Paolo Ricca l’ha pregato con noi e ci ha quindi offerto una ricchissima meditazione sull’anziano nella Bibbia . Davanti ad Abramo che a 75 anni lascia tutto per seguire un Dio che ancora non conosce ma che non può non ascoltare, o a Mosè che a 80 anni viene inviato a liberare il popolo e va affidandosi solamente a quel “Io sarò con te”, con cui Dio risponde alle sue resistenze, davvero non c’è spazio, per la rassegnazione, la delusione, i ripiegamenti, i tanti ormai… no, abbiamo molto da fare, una storia importante e unica da tramandare, una fede da coltivare insieme ai sogni per vivere con lo sguardo posto a ciò che ci sta davanti. 

Ci siamo confrontati, abbiamo mangiato e anche giocato insieme. Cosa meglio di una tombolata in una giornata d’inverno? Mancava solo il fuoco nel camino perché non c’era …camino. Tutto è stato all’insegna dell’incontro, della condivisione, della festa. Non è mancata la gioiosa sorpresa di un gruppo di “castorini” (prima tappa scout per i bimbi dai 5 ai 7 anni) che sono stati felici di servire e poi condividere con i “nonni”  la merenda! 

Così il momento conclusivo con l’Eucaristia celebrata da don Antonio Fois è stata davvero rendimento di grazie a Dio per averci convocati, riuniti e confortati con la sua presenza.

Ora sono anziano, con i capelli bianchi,
o Dio, non mi abbandonare!
così annunzierò ai giovani la tua forza,
la tua potenza ai figli che verranno.
 

16/11/2019 - Prima Giornata: "AUTUNNO"

È iniziata con la preghiera dell’anziano, il salmo 71 e si è conclusa con l’Eucaristia la nostra bellissima giornata d’Autunno, rallegrata da un cielo coperto sì, ma non piovoso che ci ha permesso una piccola passeggiata nella stupenda cornice del “Paesetto della Madonna” e la benedizione della prima pianta dedicata ad uno dei prossimi progetti dell’Associazione… Provenienti da 4 parrocchie romane abbiamo pregato, siamo stati insieme e ci siamo divertiti proprio come da programma. E mangiato, ovviamente, un pranzo squisito preparato con cura ed amore da alcuni volontari! Una giornata che ci ha raccolti, ci ha fatto meditare sulla missione dell’anziano con le parole di Papa Francesco: “La vecchiaia è un tempo di grazia, nel quale il Signore ci rinnova la sua chiamata: ci chiama a custodire e trasmettere la fede, ci chiama a pregare, specialmente a intercedere; ci chiama ad essere vicino a chi ha bisogno”… Tenendo vive queste radici in noi stessi con la preghiera, la lettura del Vangelo, le opere di misericordia… rimaniamo come alberi vivi, che anche nella vecchiaia non smettono di portare frutto”.  è stata davvero una giornata indimenticabile, dove hanno trovato spazio anche i sentimenti grazie alle vecchie canzoni che sr Katia ha accompagnato allegramente con la sua chitarra e una voce stupenda. Grazie a tutti!

Gli anziani sono le radici e la memoria di un popolo - Pensieri di papa Francesco: Scarica il file

__________________________________________

Progetto iniziale 4 Stagioni

Il progetto intende venire incontro alle tante forme di solitudine vissute dalle persone anziane nelle nostre città: verrà proposto alle persone delle nostre parrocchie romane, ai nostri vicini di casa che vivono una vita solitaria e isolata. Insieme verranno coinvolti i gruppi giovanili delle nostre stesse parrocchie o dell’Istituto. Ogni incontro potrà coinvolgere tra 30 e 50 anziani. Le stesse persone dovrebbero poter partecipare, se lo desiderano, ai 4 incontri per fare un cammino… Le nostre sorelle anziane potrebbero essere coinvolte come partecipanti.

  1. Con questo progetto vorremmo favorire l’incontro e lo scambio vitale tra anziani e giovani, per permettere agli anziani di vivere giornate diverse e ai giovani di esercitarsi nel servizio ai più deboli. Come si legge nella Carta 2018 n.12: “Nel Paesetto della Madonna ci si prenda cura dei poveri, nelle varie forme di povertà materiali e spirituali, vecchie e nuove, suggerite dalle circostanze”. Il beneficio dovrebbe essere reciproco: «L’attenzione agli anziani fa la differenza di una civiltà. In una civiltà c’è attenzione all’anziano? C’è posto per l’anziano? Questa civiltà andrà avanti se saprà rispettare la saggezza, la sapienza degli anziani» (Amoris Laetitia 192) dice il Papa e ancora: «come vorrei una Chiesa che sfida la cultura dello scarto con la gioia traboccante di un nuovo abbraccio tra i giovani e gli anziani!» (Ivi 191) “I racconti degli anziani fanno molto bene ai bambini e ai giovani, poiché li mettono in collegamento con la storia vissuta sia della famiglia sia del quartiere e del Paese” (Ivi, 193).  Cf anche l’Esortazione Christus vivit 171 e tutto il capitolo VI cioè da 179 a 201.
  2. Il progetto “4 stagioni”, come “attività dell’Associazione”, è ispirato al n.2.5 a e b dello  Statuto: “promuovere cammini di sviluppo personale e di crescita cristiana, culturale, etico, spirituale ed ecologico, attraverso la formazione, il lavoro e il servizio, ispirati alla dottrina Sociale della Chiesa; vivere e promuovere la comunione e la solidarietà verso i più bisognosi; e al conseguente n. 2.7.d: che prevede “percorsi spirituali aperti a tutti e soprattutto alle persone più svantaggiate”.
  3. Il progetto consiste nella proposta di singole “giornate diverse” (dalle 10.00 alle 17.00 circa) per persone anziane (4 in un anno), così strutturate: a) L’accoglienza; b) Una relazione spirituale a tema (o lectio divina o altro momento forte di spiritualità); c) Pranzo; d) una passeggiata (diversa per ognuna delle 4 giornate che permetta di respirare l’aria pulita del Paesetto e di conoscerne le ricchezze (Via crucis, parco dell’Assunta, Silenzio ecc.), e) un momento ricreativo (giochi da tavolo a gara… racconti attorno al fuoco… danze… a seconda della giornata); f)  preghiera finale comunitaria.  
Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.